L’omeopatia è tra le possibilità terapeutiche messe in campo per la salute dei campioni

Il Mondiale di calcio 2018 si disputa in Russia dal 14 giugno al 15 luglio 2018. Si tratta della 21° edizione del campionato mondiale di calcio, la prima in Russia, che si è quindi qualificata di diritto. L’Italia ha invece mancato la qualificazione alla fase finale del Mondiale, come non accadeva dal 1958. Fatale lo spareggio contro la Svezia.

Sono sempre più numerose le équipe medico sportive, anche in ambito calcistico, che includono l’omeopatia tra le possibilità terapeutiche messe in campo per la salute dei campioni. I medicinali omeopatici possono costituire una soluzione per numerose problematiche, tra cui le patologie croniche dello sportivo. In particolare, quelli caratterizzati dalle alte diluizioni, sono in genere privi di effetti collaterali e normalmente non comportano rischi di interazione con altri farmaci. Inoltre, non contengono sostanze dopanti e sono quindi particolarmente adatti a chi pratica sport a livello agonistico. Non è un mistero che alcuni calciatori utilizzino l’omeopatia. Infatti, già nel 1998, Didier Deschamps, allora capitano della nazionale francese, durante la finale dei Mondiali contro il Brasile, ha assunto quella che è stata definita dalla stampa una “misteriosa fiala” che ha incuriosito molti: era un medicinale omeopatico, come spiegato dal medico della nazionale francese, Jean Marcel Ferret.

Omeopatia e calcio: un connubio vincente

Il calcio moderno, caratterizzato da elevata velocità e intensità di gioco, predispone i giocatori a infortuni sia di tipo traumatico, che da sovraccarico muscolare. I medicinali omeopatici possono essere di aiuto nei casi di affaticamento muscolare, traumi, ematomi, distorsioni e crampi, frequenti quando si pratica questa attività sportiva, indipendentemente dal livello. Contusioni ed ematomi sono traumi tipici degli sport di contatto e sono la conseguenza di lesioni traumatiche dei tessuti sottocutanei, provocate da un urto. Si parla di ematomi quando si verifica la raccolta di sangue nello spessore di un tessuto, in seguito alla rottura dei vasi sanguigni.

Lo strappo, o distrazione muscolare, è invece una lesione piuttosto grave che causa la rottura di alcune fibre che compongono il muscolo.1

I medicinali omeopatici possono essere d’aiuto nel favorire il ripristino delle condizioni di salute legate all’apparato osteomuscolare.2 3

Infine, quando si sottopone l’organismo a un intenso sforzo muscolare, si è spesso soggetti a crampi, contrazioni dolorose molto diffuse in questo sport. Per alleviare questo dolore si consiglia di bere immediatamente dei liquidi e estendere il muscolo contratto. Anche i medicinali omeopatici possono costituire un valido aiuto per favorire una rapida risoluzione del problema.

Poter stringere la coppa del mondo è il sogno di tutti i calciatori. Oltre alla preparazione fisica, per il raggiungimento del risultato, è fondamentale l’equilibrio emotivo: l’omeopatia può essere un valido trattamento terapeutico per gestire gli stati ansiosi prima di una gara.

 


1 Michèle Boiron et Francois Roux, 2017. Traumatologie générale et sportive. Les èditions Le Moniteur des pharmacies. Puteaux. p. 45.

2 ROSSIGNOL M., BEGAUD B., ENGEL P., AVOUAC B., LERT F., et al. Impact of physician preferences for homeopathic or conventional medicines on patients with musculoskeletal disorders: results from the EPI3- MSD cohort. Pharmacoepidemiol Drug Saf. 2012;21(10):1093-101

3 ROSSIGNOL M., BEGAUD B., AVOUAC B., LERT F., ROUILLON F. et al. Benchmarking clinical management of spinal and non-spinal disorders using quality of life: results from the EPI3-LASER survey in primary care. Eur Spine J. 2011; 20(12):2210-6.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.