Testo a cura della dott.ssa Villa, pediatra esperta in omeopatia

 

Utilizzata per parlare, bere, mangiare e respirare, la bocca è una preziosa parte del nostro corpo e lo è ancora di più per i bambini, che esplorano il mondo portando alla bocca tutto quello che trovano. Sono però numerosi i disturbi che possono presentarsi nel cavo orale dei più piccoli: dai fastidi generati dai primi dentini, alle afte, fino al mughetto e agli herpes labiali. In tutti questi casi, l’omeopatia può rappresentare un valido aiuto per alleviare fastidio e dolore.

Spunta un dentino!

La dentizione è un evento fisiologico e del tutto “personale”. Infatti, qualche bambino mette i denti senza soffrire, mentre, per la maggior parte, l’eruzione dentale si manifesta in modo doloroso e può essere accompagnata da diversi disturbi. I segnali che annunciano l’arrivo di un dentino possono essere: salivazione abbondante, irritabilità, agitazione improvvisa, gengive arrossate o gonfie, guance rosse e frequenti risvegli notturni. Ci sono alcuni accorgimenti che possono essere adottati in questo periodo: per esempio, è bene evitare l’apporto di zuccheri. Inoltre si consiglia di evitare di offrire al bambino il ciuccio con miele che aumenterebbe il dolore e il rischio di infezione. Fastidio e dolore invece si possono alleviare massaggiando delicatamente le gengive con una pezzuola bagnata d’acqua fredda o con un anello da dentizione refrigerante: il freddo diminuirà l’infiammazione e calmerà il suo bisogno di mordere tutto. Anche l’omeopatia può aiutare, alleviando il dolore e i fastidi associati allo spuntare dei primi dentini. In particolare, alcuni medicinali omeopatici si presentano in forme orali molto adatte al bambino, pratiche da somministrare sia in casa che fuori.

Afte: quelle fastidiose ulcere del cavo orale

Le afte sono lesioni dolorose della cavità orale di aspetto crateriforme, causate da una rottura della mucosa, che si possono sviluppare sulla lingua e nella parte interna delle labbra e sono spesso determinate dall’abbassamento delle difese immunitarie. Quando le ferite sono multiple o croniche, vengono definite stomatiti aftose e si manifestano generalmente con dolore e bruciore diffuso, che viene aggravato dal contatto con alimenti acidi o salati. I medicinali omeopatici possono rivelarsi utili per aiutare i più piccoli ad affrontare i sintomi delle afte, che spesso si presentano in seguito a una malattia o durante periodi di stanchezza e stress.

Mio figlio ha preso il mughetto!

Il mughetto è causato da un fungo, la Candida albicans, presente nella flora intestinale del nostro organismo. Viene contratto prevalentemente dai bambini tra i 3 e i 9 mesi e si manifesta con la comparsa di piccole chiazze biancastre sulla lingua, sul palato e all’interno delle guance, che possono causare una forte sensazione di bruciore. Per evitare che l’infezione, come talvolta succede, renda difficoltosa per il bambino l’alimentazione, è bene intervenire rapidamente. Prima di ogni poppata, sia nell’ allattamento al seno, sia in quello artificiale, consiglio di pulire la bocca con una garza sterile imbevuta in una soluzione di acqua e bicarbonato di sodio. Inoltre, può essere utile ricorrere tempestivamente ai medicinali omeopatici, che possono aiutare ad alleviare dolore e sensazione di bruciore.

Herpes labiale: cosa fare?

L’herpes labiale, spesso doloroso soprattutto per i più piccoli, viene considerato uno dei segnali più diffusi di una condizione di stanchezza e stress. I segnali dell’herpes sono inconfondibili: rossore, pizzicore, formicolio, sensazione di bruciore e a seguire comparsa di vescicole, singole o a grappolo, in una zona del labbro. In questi casi, intervenire il prima possibile anche con i medicinali omeopatici, sin dai primi sintomi, può essere utile per bloccare l’evoluzione, ridurre l’intensità dei disturbi e diradare gli episodi, spesso recidivanti.

I medicinali omeopatici per la bocca dei più piccoli

Per far fronte a tutti questi fastidi della bocca dei più piccoli anche i medicinali omeopatici possono rappresentare una valida opportunità terapeutica. In particolare, quelli caratterizzati dalle alte diluizioni sono generalmente adatti anche ai bambini. Inoltre, la somministrazione è molto semplice: i granuli e i globuli, ovvero le forme farmaceutiche specifiche più diffuse dell’omeopatia, vanno lasciati sciogliere sotto la lingua del bimbo. Per la somministrazione ai bambini più piccoli, possono anche essere sciolti in un po’ d’acqua a temperatura ambiente (meglio evitare la miscelazione con tisane o bevande aromatiche) e proposti in un bicchiere, nel biberon, con un contagocce o con un cucchiaino.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *