L’anno lavorativo per Boiron Italia termina all’insegna dell’attenzione all’ambiente e alla salute dei collaboratori.  Il tema della riduzione del consumo di plastica, sempre più sentito in azienda, è il motore di un’iniziativa di coinvolgimento dei collaboratori ai quali verrà donata una borraccia in acciaio per evitare il consumo di acqua in bottiglie di plastica. Un piccolo gesto che oltre al rispetto per il pianeta racchiude anche un altro importante messaggio, insito nel DNA di Boiron: la salute merita il più grande rispetto.
Uno dei gesti più semplici e nel contempo più importanti per la salute è mantenere una corretta idratazione, anche durante l’attività lavorativa, sia per chi svolge il proprio lavoro in ufficio, sia per chi lavora fuori ufficio come i Sales Specialist e gli Informatori Scientifici del farmaco.

L’importanza di ridurre il consumo di plastica

ll problema dell’inquinamento dalle plastiche è molto complesso: spesso si tende a pensare che derivi solo dai prodotti finiti che troviamo in commercio come buste, bicchieri, posate, cannucce. Il processo inquinante va rivisto, invece, in tutto il suo iter produttivo, dall’inizio alla fine. L’estrazione e il trasporto del petrolio necessario per la produzione, è il primo fattore che va preso in considerazione: durante questa fase vengono rilasciate nell’aria, nell’acqua e nel suolo, sostanze tossiche che hanno impatti sulla salute. Se si pensa poi alla raffinazione e produzione delle resine plastiche, si va incontro alla diffusione nell’aria di sostanze tossiche e cancerogene. La frammentazione delle plastiche, che avviene per lo più nei nostri mari, rappresenta la fine di questo percorso silenzioso di inquinamento: le micro e nano particelle possono entrare, attraverso il cibo, direttamente nel corpo umano causando infiammazioni, genotossicità, stress ossidativo, apoptosi (danneggiamento delle cellule) e necrosi.

Idratarsi è importante per il corpo e la mente

L’acqua è una preziosa alleata per il nostro organismo, anche se spesso si tende a sottovalutarne l’importanza. Il livello di idratazione influenza l’efficienza del sistema immunitario, l’elasticità della pelle, il livello di energia e l’umore. A trarre giovamento da una buona idratazione infatti, non è solo il corpo, ma anche la mente: a stabilirlo un recente studio realizzato da alcuni ricercatori della University of East London School of Psychology [1], in Inghilterra. Lo studio ha dimostrato che bere acqua incrementa la velocità di reazione del cervello, alza il livello di attenzione e aiuta a non perdere la concentrazione. Una buona idratazione aiuta quindi ad essere più attenti, migliora la memoria a breve termine e l’umore.
Inoltre, quando si beve, non solo ci si disseta, ma si assumono elementi importanti come calcio, magnesio, ferro e zolfo, essenziali per il benessere psico-fisico.

L’importanza dell’idratazione per chi guida

Un recente studio della Loughborough University ha evidenziato [2] come la disidratazione fa calare drasticamente anche l’attenzione degli automobilisti e li porta spesso a fare lo stesso numero di errori di chi è in stato di sonno, o ha superato il limite delle unità alcoliche consentite.  Questo studio mette in luce un pericolo non riconosciuto, la disidratazione, e suggerisce ai guidatori di idratarsi adeguatamente. Per evitare disturbi come mal di testa, debolezza, vertigini e stanchezza.

L’importanza di una buona idratazione anche d’inverno

Il tema dell’idratazione solitamente si presenta puntuale sempre d’estate, quando si alzano le temperature e si tende a sudare di più. In realtà l’idratazione è fondamentante per mantenersi in salute tutto l’anno, incluso il periodo invernale, quando le basse temperature possono ridurre la sensazione di sete.

Anche in questi mesi, nonostante ci si accorga meno, esistono numerosi fattori che possono far aumentare la perdita di acqua da parte del nostro corpo: carichi intensi di lavoro, stress, l’aria secca e le camminate per andare e tornare dal lavoro.

Alcuni buoni consigli

L’European Hydration Institute ha elencato una serie di consigli, che è bene seguire, per evitare la disidratazione:

  • Bere regolarmente, anche se non si ha sete. La bevanda da prediligere è l’acqua, ma anche tisane, il tè e altre bevande analcoliche aiutano a soddisfare il fabbisogno giornaliero di liquidi.
  • Quando si è al lavoro è bene tenere sempre la borraccia in vista sulla scrivania. In questo modo sarà più facile ricordarsi di bere.
  • Prediligere alimenti ricchi di acqua, come frutta e verdura: contribuiranno all’idratazione complessiva.

[1] https://www.uel.ac.uk/research/health-promotion-and-behaviour/hydration-nutrition-and-cognition

[2] https://www.lboro.ac.uk/media-centre/press-releases/2015/april/54-dehydrated-drivers.html

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.